fbpx

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando sul pulsante qui a fianco.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

joomla templates top joomla templates template joomla

InMedio - Organismo di mediazione accreditato dal ministero della Giustizia con N. 149 - P.IVA 02455600359

 respingente2.JPG

Opposizione a decreto ingiuntivo (nella materie in cui la mediazione è condizione di procedibilità).
Chi è tenuto a iniziare la procedura di mediazione?

L'opposto o l'opponente?

Come noto la questione è stata rimessa nel 2019 alle sezioni unite della Corte di Cassazione con l'ordinanza che potete leggere qui.

Il Procuratore Generale presso la Corte di Cassazione ha concluso chiedendo alle Sezioni Unite di stabilire "che nel procedimento per decreto ingiuntivo, una volta adottati dal giudice i provvedimenti di cui agli artt. 648 e 649 c.p.c., il soggetto sul quale ricade l'onere di esperire il tentativo di mediazione, a norma del d.lgs. n. 28/2010, è il creditore opposto, nei modi e secondo i tempi indicati nei commi I-bis e 4, lettera a)"

Sarà questa la decisione delle Sezioni Unite? Sarà quindi l'opposto ad essere onerato dell'avvio della mediazione?

In attesa della decisione (che attendiamo con grande interesse e di cui vi daremo conto non appena pubblicata) qui potete leggere le conclusioni del Procuratore Generale che riassumono in modo chiaro le contrapposte tesi, giungendo a formulare la sopra indicata richiesta.


InMedio - Organismo di Mediazione
 civile e commerciale n.149 presso il Ministero di Giustizia